Come fai a leggere così tanto?

Click here for English version

Sono sempre stata una di quelle persone che annualmente, quando escono le statistiche sul numero di lettori in italia, vegono definite lettrici forti. I cinque libri che vengono presi come unità di misura solitamente li leggo in meno di un mese (a meno che non sia Infinite Jest) e se ci fosse una maratona di letture probabilmente arriverei tra i primi dieci.

Leggo tanto nonostante tutto. Nonostante abbia fatto l’università, nonostante faccia un lavoro full time, nonostante gli articoli sul blog, nonostante vada in palestra. Elenco tutti questi nonostante perché una delle cose che sento dire più spesso è che per leggere ci vuole tempo, e il tempo è la cosa che più ci manca.

Beh, permettetemi di smentire quest’affermazione. Il tempo c’è: siamo solo poco abituati a ritagliarcelo. Ecco quindi cinque cose che faccio e che mi permettono di leggere tanto, tutti i giorni.

1. Ogni volta che posso, leggo

Anche solo per cinque minuti. Cerco di non buttare mai via i ritagli di tempo e di non far volar via i tempi morti inutilmente. Ho sempre un libro in borsa, e leggo ogni volta che posso. Qualche esempio? La mattina, mentre aspetto che si riscaldi l’acqua del tè, leggo. In fila dal medico, leggo. In bagno, leggo. Appena finito lavoro, prima di dedicarmi a qualsiasi altra attività, leggo. Mentre cucino leggo.

Ok, mi rendo conto che può sembrare un incubo. In realtà non è così male, perché è come se mi stessi riprendendo tutto il tempo che le incombenze della giornata cercano di portarmi via.

2. Leggo libri (di qualità) che mi piacciono

Dopo un po’ un lettore impara a capire se un libro fa per lui. E’ una questione di istinto. Impara a riconoscere a naso un autore con cui può esserci feeling, e impara a sviluppare una sorta di campanello d’allarme verso i libri di merda.

Trovo inoltre che i libri di merda, che possono sembrare a prima vista molto fruibili, in realtà siano respingenti. Chi ha voglia di leggere un diario in prima persona? O una storia d’amore che tutti sappiamo come andrà a finire? Personalmente, io no. E credo che nessuno voglia leggere qualcosa di scritto male, con punteggiatura scollegata e trama inesistente. Quindi, uno dei segreti per riuscire a diventare un lettore forte è scegliere cose che ci piacciono, ma sceglierle bene.

3. Passo da cartaceo a ebook e viceversa

Se leggessi solo libri cartacei probabilmente la mia schiena sarebbe a pezzi (oltre che chiaramente ricurva come è già). Cerco di portare sempre un libro con me, ma se ho già tante cose in borsa prendo il lettore ebook. E’ comodo, ci stanno tanti libri, è adatto soprattutto a chi viaggia tanto.

Non riesco però a staccarmi dal cartaceo, che su di me ha sempre quel fascino indescrivibile. La mia giornata perfetta è sdraiata sul divano, con un libro (preferibilmente lungo) in mano, a leggere fino a quando non mi viene fame.

4. Priorità alla lettura

Ci sono tante cose che potrei fare nel mio tempo libero. Giocare ad Animal Crossing, andare in palestra, fare una passeggiata, scrollare instagram, cucinare e molto altro. Ho citato queste cose perché sono tutte cose che faccio, quotidianamente. La priorità però è sempre il segnalibro che mi aspetta tra le pagine.

Dare priorità alla lettura non significa non fare altro. Significa fare anche altro. Quante volte riempiamo il nostro tempo con i social, solo perché non sappiamo cosa fare? Quante volte giochiamo sul telefono, annoiati, solo per spegnere il cervello?

La lettura è bella perché il tempo scorre, ma il cervello non si spegne mai.

5. Mi concentro su ciò che sto facendo

Questo è il consiglio più difficile, che probabilmente verrà dopo tanta pratica. Cercare di concentrarsi pienamente su ciò che si sta facendo. Per quanto riguarda la lettura, è ancora più difficile, in un mondo di schermi e suoni di messaggi.

Quando leggo, cerco di immergermi il più possibile in ciò che sto leggendo. Sia questo un saggio, sia questo un romanzo. Dedicare completa attenzione a ciò che abbiamo di fronte è il regalo più grande che possiamo fare a noi stessi. Esserci, nel momento presente, e allo stesso tempo volare con la mente, ragionare e rispecchiarci su storie scritte da altri, che sembrano fatte apposta per noi. Vi è mai successo? E’ la sensazione più bella del mondo.

ENG

How do you read so much?

I have always been one of those people who every year when the statistics on the number of readers in Italy come out, are defined as strong readers. The five books that are taken as a unit of measurement I usually read in less than a month (unless it’s Infinite Jest) and if there was a marathon of reading I’d probably make it into the top ten.

I read a lot despite everything. Despite having done college, despite having a full-time job, despite blog posts, despite going to the gym. I list all of these though because one of the things I hear most often is that reading takes time, and time is the thing we miss most.

Well, let me disprove this claim. There is plenty of time: we are only a little used to cutting it out for ourselves. So here are five things I do and that allows me to read a lot, every day.

1. I read whenever and wherever I can

Even for just five minutes, I read. I try never to throw away the scraps of time and not to blow away the dead time unnecessarily. I always have a book in my bag, and I read whenever I can. A few examples? In the morning, while I wait for the water to heat up for my tea, I read. In the queue to the doctor, I read. In the bathroom, I read. As soon as I finish work, before dedicating myself to any other activity, I read. While I cook, I read.

Okay, I realize this may sound like a nightmare. It’s actually not that bad, because it’s like I’m taking back all the time that the chores of the day try to take away.

2. I read (quality) books that I like

After a while, a reader learns to guess if a book is for her. It is a matter of instinct. Learn to recognize an author with whom there may be a connection, and learn to develop a kind of alarm bell towards the shitty books.

I also find that shitty books, which may seem very usable at first glance, are actually buffers. Who wants to read a dear-diary? Or a love story that we all know how it will turn out? I don’t. And I don’t think anyone wants to read something poorly written, with disconnected punctuation and non-existent plot. So, one of the secrets to becoming a strong reader is choosing things we like, but choosing them well.

3. I read paper books and e-books

If I only read paper books my back would probably be in pieces (as well as curved as it already is). I try to always carry a book with me, but if I already have a lot of things in my bag I take the Kindle ebook reader. It is convenient, there are many books uploaded in it, and it is especially suitable for people who travel a lot.

However, I cannot detach myself from the paper, which always has that indescribable charm on me. My perfect day is lying on the sofa, with a (preferably long) book in hand, reading until I’m hungry.

4. I prioritize reading

There are so many things I could do in my free time. I can play Animal Crossing, hit the gym, go for a walk, scroll Instagram, cook, and more. I mentioned these things because they are all things I do, daily. The priority, however, is always the bookmark that awaits me between the pages.

Prioritizing reading does not mean doing nothing else. It also means doing something else. How many times do we fill our time with social media, just because we don’t know what to do? How many times do we play on the phone, bored, just to turn off the brain?

Reading is beautiful because time passes, but the brain never goes out. 

5. I’m focused on what I’m doing

This is the hardest piece of advice, which will likely come after a lot of practice. Try to fully focus on what you are doing. As for reading, it’s even more difficult in a world of screens and sounds coming out from our phones.

When I read, I try to immerse myself as much as possible in what I am reading. Let this be an essay, let this be a novel. Paying full attention to what is in front of us is the greatest gift we can give to ourselves. Being there, in the present moment, and at the same time flying with the mind, reasoning and reflecting on stories written by others, which seem to be made especially for us. Has this ever happened to you? It is the best feeling in the world.