La tazza da viaggio zero waste

Click here for English version

Oggi vi presento l’oggetto zero waste più maltrattato di sempre sui social, forse secondo solo alle cannucce riutilizzabili: la tazza da viaggio. I post sul tema sono sempre simili: non ne abbiamo veramente bisogno, è una di quelle cose che si comprano sempre e solo per l’estetica e per fare le foto su instragram. Vero? Non proprio.

Stringendo la mia vecchissima tazza, mi sono sempre sentita un po’ offesa da questi pregiudizi. E ora che maldestramente l’ho fatta cadere, rompendo il tappo, il materiale interno isolante e il mio metatarso sinistro, non posso che spendere parole di elogio per questo meraviglioso oggetto.

La tazza da viaggio mi accompagna sempre, per l’appunto, in viaggio. Ma non solo. Quando vado in ufficio a Verona, almeno una volta a settimana, mi porto la colazione da fare in treno. La mia tazza è sempre lì, col cappuccino di soia caldo, o col té verde bollente nel quale pucciare i biscotti. Quando sono andata in Giappone, ho fatto i voli di andata e ritorno senza utilizzare neanche un bicchiere usa e getta, ma semplicemente chiedendo di riempirmi la tazza sia con l’acqua sia con le bibite calde che venivano passate a bordo. Una hostess, notando che continuavo a farmi riempire la stessa tazza, si è complimentata per l’idea.

Questo fine settimana sono andata in montagna. La tazza era lì con me, senza coperchio. Rotta, ma ancora utilizzabile. E’ servita da piatto, da bicchiere e ha riacquisito la sua funzione di tazza per la colazione la mattina dopo. Non tiene più il caldo, ma senza coperchio è ancora più leggera, ed è perfetta per le escursioni. Adesso, quando bevo, il rivestimento interno sfracellato in mille pezzi sembra uno scroscio di campanelli.

La trovo più versatile della borraccia e a volte la uso anche da sola, soprattutto se vado da qualche parte dove ho facile accesso a un rubinetto, a una fontanella o mi voglio muovere con una borsa molto leggera. Per questo ho cercato di informarmi in giro il più possibile per trovare un degno sostituto.

Ciò che cercavo è una tazza leggera, ermetica, possibilmente prodotta da azienda sostenibile. Volevo insomma qualcosa che si adattasse alle mie esigenze ma che potesse durarmi molto tempo.
Alla fine mi sono convinta, e la scelta è ricaduta sul marchio che ormai conoscerete tutti, 24 Bottles.

Al di là dell’estetica e della funzionalità delle bottiglie – mia cugina Giulia ne ha ricevuto una in regalo per il suo compleanno, ed è una bomba – quello che mi ha convinto di più è stato l’impegno per la sostenibilità. Le emissioni di CO2 vengono infatti compensate tramite alberi che vengono piantati per assorbire l’impatto della produzione e della spedizione delle bottiglie. Inoltre, l’azienda è italiana ed è certificata come B-Corp.

Insomma, la tazza per il mio stile di vita non è un oggetto superfluo. Così come non lo è nessun oggetto che vi aiuti nella vostra vita a basso impatto ambientale. Col tempo infatti ho imparato che non esistono oggetti superflui per se. No, neppure i kit zero waste e le cannucce in acciaio.
Per chi si approccia per la prima volta all’ecologia e a uno stile di vita senza plastica, è fondamentale capire quali sono le cose che si possono cambiare più facilmente. E’ facile per noi che ci siamo dentro da anni, guardare indietro e dire che forse quell’acquisto non ci è tornato tanto utile. Per una persona che sta cercando di cambiare le proprie abitudini, discorsi di questo tipo potrebbero scoraggiare ancora di più.

Vivere una vita a basso impatto ambientale non significa dover rinunciare a tutto. Neanche essere minimalisti significa rinunciare a tutto, ma solo a quello di cui potete fare a meno. Essere consapevoli nelle scelte e negli acquisti significa portare a casa solamente ciò che ci serve veramente, ciò che utilizzeremo e ciò che ci facilita le giornate. Essere zero waste non significa sacrificare ogni singolo aspetto della vostra vita: significa fare scelte consapevoli.

ENG

Zero waste travel mug

Today I will talk about the most persecuted zero-waste object of all time on social media, perhaps second only to reusable straws: the travel mug. The posts on the topic are always similar: we don’t really need it, it’s one of those things that you always buy only for aesthetics and to take photos on Instagram. True? Not exactly.

Holding my very old cup, I always felt a little offended by these prejudices. And now that I have clumsily dropped it, breaking the cap, the insulating internal material, and my left metatarsal, I can only spend words of praise for this wonderful object.

The travel mug always follows me, precisely, on the road. But not only. When I go to the office in Verona, at least once a week, I bring breakfast to take on the train. My cup is always there, with hot soy cappuccino, or with boiling green tea in which I soak cookies. When I went to Japan, I made two flights without using a single disposable cup, but simply asking to fill my cup with both water and hot drinks that were passed on board. One hostess, noting that I kept getting the same cup filled, congratulated me on the idea. Still proud of that. 

I went hiking this weekend. The cup was there with me, without its lid. Broken, but still usable. It served as a plate, a glass, and regained its function as a cup for breakfast the next morning. It no longer keeps the heat, but without a lid, it is even lighter and is perfect for hiking. Now, when I drink, the inner lining smashed into a thousand pieces sounds like a burst of bells.

I find it more versatile than a bottle and sometimes I use it alone, especially if I go somewhere where I have easy access to tap water, a fountain or if I want to move with a very light bag. This is why I tried to find out as much as possible to find a worthy replacement.

What I was looking for is a light, insulated mug, possibly produced by a sustainable company. In short, I wanted something that suited my needs but that could last me a long time. 

In the end, I was convinced, and the choice fell on the brand that you will all know by now, the italian 24 Bottles.

Beyond the aesthetics and functionality of the bottles – my cousin Giulia received one as a gift for her birthday, and it’s a game changer – what convinced me most was the commitment of the company to sustainability. The CO2 emissions are in fact compensated by trees that are planted to absorb the impact of the production and shipment of the bottles. In addition, the company is Italian and is certified as B-Corp.

In short, the cup for my lifestyle is not a superfluous object. Just as no object that helps you in your environmentally friendly life is. Over time, in fact, I learned that there are no superfluous objects per se. No, not even zero waste kits and steel straws

For those who approach ecology and a plastic-free lifestyle for the first time, it is essential to understand what are the things that can be changed more easily. It is easy for us who have been in it for years, to look back and say that perhaps that purchase has not been so useful to us. For a person who is trying to change their habits, such speeches could discourage even more.

Living life with low environmental impact does not mean having to give up everything. Not even being minimalist means giving up everything, but only the stuff you can live without. Being aware of choices and purchases means taking home only what we really need, what we will use, and what makes our days easier. Being zero waste does not mean sacrificing every single aspect of your life: it means making informed choices.