Guppyfriend!

Click here for English version

Sapete cosa sono le microplastiche? Sono piccole particelle, frammenti che vengono rilasciate da cosmetici, vestiti e in generale oggetti di plastica e finiscono in mare.
Se non ne avete mai sentito parlare, sappiate che sono state trovate ovunque, dal mare al nostro cibo, fino ai luoghi più remoti del mondo.

Una delle cose che possiamo fare è, neanche dirlo, non abbandonare la plastica in giro. Però non è così semplice. Infatti molti dei vestiti che compriamo (soprattutto dalle grandi catene fast fashion) sono in tessuto sintetico, spesso scadente, e rilasciano una grossa quantità di microplastiche ogni volta che li mettiamo in lavatrice.

Passando per casa nostra, le microplastiche si fanno strada e inquinano l’ambiente, e a oggi rappresentano uno dei problemi più grandi per gli animali che popolano i nostri mari – che, indovinate un po’, poi finiscono sulle nostre tavole se siete onnivori.

Quindi, avrete già capito: questo post è dedicato al singolo acquisto che possiamo fare ad oggi se vogliamo evitare di fare la nostra parte in questo tremenda catena: la Guppyfriend.

La Guppyfriend è… una sacca. Fatta in poliammide, ha una trama che cattura le microplastiche ed evita che si disperdano nell’ambiente. E’ semplicissima da usare: basta metterci dentro i vestiti in tessuto sintetico (nylon, poliestere ecc…) e chiuderla. Dopodiché potete metterla in lavatrice e usare il solito programma, anche se il massimo sarebbe usare un lavaggio a basse temperature: quando ho comprato la lavatrice una delle cose che mi ha permesso di decidere quale comprare è stata la possibilità di lavare a 15° e 20°. Inquina di meno, permette un grosso risparmio di energia e i capi durano di più.

Dopo il lavaggio, una volta stesi i vestiti, posso raccogliere le microplastiche rimaste nel sacchetto e buttarle nel bidone dell’indifferenziato.

Idealmente la soluzione sarebbe quella di ridurre al massimo i tessuti sintetici presenti nel mio armadio, ma non è sempre facile. Pensate per esempio all’abbigliamento sportivo. In ogni caso, preferisco comunque utilizzare ciò che ho già fino allo sfinimento. La Guppyfriend è un buon modo per far durare il più possibile i vestiti, evitando però di disperdere inutilmente frammenti di plastica nei fiumi e nei mari.

La potete comprare sul sito Patagonia o da Friendly Shop.

ENG

Guppyfriend!

Have you ever heard about microplastics? They are small particles, fragments that are released from cosmetics, clothes, and plastic objects and end up in the sea. 
If you have never heard of them, you should know that they have been found everywhere, from the sea to our food, also in the most remote places in the world.

One of the things we can do is, needless to say, don’t leave plastic around. But it’s not that simple. In fact, many of the clothes we buy (especially from the big fast fashion chains) are made of synthetic fabric, often poor quality, and they release a large number of microplastics every time we put them in the washing machine.

Leaving our house, microplastics make their way and pollute the environment, and today they represent one of the biggest problems for the animals that populate our seas – which, guess what, end up on your table if you eat fish.

So, you probably have guessed by now: this post is dedicated to the single purchase that we can make today if we want to avoid doing our part in this tremendous chain: the Guppyfriend.

The Guppyfriend is… a bag. Made of polyamide, it has a texture that captures microplastics and prevents them from dispersing into the environment. It is very simple to use: just put the synthetic clothes (nylon, polyester, etc …) in it and close it. Then you can put it in the washing machine and start the usual program. It would be better to use a low-temperature program. When I had to buy my washing machine one of the things that made me decide was the possibility of washing at 15°C and 20°C. It pollutes less, allows a big energy-saving, and the garments last longer.

After washing, once the clothes are laid out, I collect the microplastics left in the bag and throw them in the bin of the undifferentiated. 

Ideally, the solution would be to minimize the synthetic fabrics in my wardrobe, but it is not always easy. Think for example about the sportswear. In any case, I still prefer to use what I already have until exhaustion. Guppyfriend is a good way to make clothes last as long as possible, but avoiding unnecessarily dispersing plastic fragments in rivers and seas.

You can buy it on the Patagonia website or from the Friendly Shop.