Due anni di diabete, aggiornamenti di vita e torta low carb

Click here for English version

Domani sarà il mio anniversario di diagnosi del diabete di tipo 1: il 12 Gennaio 2017 infatti, pochi giorni dopo il rientro dalle vacanze di Natale in Sardegna, sono stata ricoverata in terapia intensiva all’ospedale di Padova. Solo quando mi sono svegliata ho scoperto cosa fosse successo: chetoacidosi diabetica causata dalle glicemie alte (anche se un po’ prima di non ricordare più nulla, il sospetto mi era venuto; ma questa è una storia per un altra volta).

Se ci ripenso, stento a credere di essere quella stessa persona.

Per questo motivo, quest’anno ho deciso di festeggiare.

Prima di tutto perché, avete presente l’impegno costante che richiede una malattia cronica?
Sino a quel momento avevo conosciuto il diabete solo tramite mio fratello. Osservavo i suoi gesti ripetuti ogni giorno e non avevo idea di cosa si celasse dietro. Probabilmente è impossibile saperlo, se non vivendolo in prima persona.

C’è anche un altro motivo però, che può sembrare paradossale: la mia vita dopo il diabete è decisamente migliorata.

Ho iniziato a dare priorità alle cose che contano veramente: dedicarmi alle mie passioni (quando prima “non avevo mai tempo”), liberarmi di tutto ciò di cui non ho più bisogno, ridurre drasticamente il mio impatto ambientale (per quanto riguarda quest’ultimo punto, vedere quanti dispositivi medici butto ogni giorno mi ha dato decisamente una spinta).

Affrontare il diabete mi ha cambiato radicalmente, in meglio. E’ come se la mia prospettiva fosse cambiata: le mie giornate hanno iniziato ad acquisire valore.

Adesso sono convinta che le difficoltà, anche quelle che ci sembrano insensate o insormontabili, a volte possono farci capire come crescere e come affrontare la nostra esistenza: dando peso solamente alle cose che contano.

Questi sono i motivi per cui ho deciso di festeggiare questo anniversario.

E infine, la ricetta: torta alla farina di cocco con pochi carboidrati

Low carb cake with coconut flour and almonds.

Quale modo migliore per festeggiare se non accendendo il forno e preparando una torta?

Per sfortuna, ultimamente le mie glicemie sembrano non apprezzare i carboidrati, e dunque sto improvvisando delle ricette low carb (che poi puntualmente farcisco con la mia crema al cioccolato senza zucchero preferita, ma questa è un’altra storia).

Dunque, ricetta totalmente a caso:

  • 3 uova;
  • 250g di ricotta;
  • 50g farina di cocco;
  • 1 cucchiaio di stevia (facoltativo: a me piace anche senza);
  • 1 cucchiaio di olio;
  • mandorle per decorare.

Il segreto è dividere i tuorli dagli albumi, lavorare solo i tuorli con tutti gli altri ingredienti e montare separati gli albumi a neve. Io l’ho fatto a mano, e ve lo sconsiglio vivamente se non volete alzarvi la mattina dopo senza un braccio. Solo alla fine incorporate piano gli albumi, amalgamandoli senza smontarli (dal basso verso l’alto).

La resa finale è quella di una tortina bassa; volevo che venisse un dolcetto adatto ad essere mangiato anche a lavoro, a metà tra una barretta e una tortina cheesecake da mangiare quando sono scoperta da insulina.

Ultimamente sto facendo diversi esperiementi con la farina di cocco, che ha solamente 26g di carboidrati per 100g. Io ho utilizzato quella a marchio Baule Volante. Se volete una farcitura al cioccolato, io vi consiglio la crema al cioccolato fondente senza zucchero di Cioccolateria Veneziana. Non fate come me, che metto più cioccolata che torta e poi mi domando “ma come mai ho la glicemia alta?”

ENG

Diversary 2019 with low carb cake recipe.

Tomorrow it will be my diaversary! On January 12th 2017, after spending Christmas with my family in Sardinia, I was taken in ICU at Padua’s Hospital.

After few hours I woke up and I discovered that I went into coma because of diabetic ketoacidosis.

So, this year I decided to celebrate this day.

First of all because having a chronic illness requires a lot of effort. Until that moment I knew diabetes only through my brother, and I had no idea of the amount of work that it requires daily. After two years I can feel that every single month is a huge victory for me.

There is also another reason to celebrate: my life after type 1 diabetes has improved. Since that moment I started to focus on the things that really matter: my passion about writing (before “I had no time”), my passion about environment and simplicity, and so on.

Type 1 diabetes changed me for the better. I’ve changed my point of view, I’ve changed my perspective, and my days started to acquire more value.

Now I am sure that difficulties, even when they seem to be impossible to overcome, sometimes they can teach us how to grow up and how to deal with our life: making every single day count.

These are the reasons why I will celebrate my diaversary this year.

And finally, the recipe: homemade low carb coconut cake.

If we are going to celebrate, we will need to bake a cake.

Unfortunately, lately my blood glucose levels are crazy. I cannot eat any carbs for snacks, so I am trying different low carb recipes (and then I put chocolate cream in them, so no more low carb. But you know? It’s totally worth it).

So, the ingredients:

  • 3 eggs;
  • 250g ricotta cheese or soft cheese;
  • 50g coconut flour;
  • 1 tablespoon of stevia (but you can also do without it);
  • 1 tablespoon of olive oil;
  • almonds for decoration.

You need to separate the egg whites from the yolks. Then you can mix yolks with all the ingredients, and in another bowl you can whip the egg whites. I did it by hand, but it’s better if you have an electric whisk. At the end, you mix everything gently.

You can bring this cake also at work, I cut it in squares like a brownie. I love it!

Happy diaversary to me!