Tre oggetti per ecologisti | parte 2: prendiamola un po’ più seriamente

[English version down below] 


Lo sapete anche voi, è arrivato il momento di passare al livello successivo, e smettere di comprare altre tre cose che possono tranquillamente essere sostituite con la loro alternativa ecologica.
Se gli oggetti che ho citato nella prima puntata erano facili da trovare (o da avere già in casa), questi tre richiedono qualche sforzo in più, e soprattutto qualche settimana di adattamento e qualche ricerca per trovare quelli giusti che fanno per noi. 
Ho scelto questi tre perché ormai sono stabili nel mio bagno, e perché ormai mi sembrano assurdi i tempi in cui compravo lo shampoo in bottiglia di plastica al supermercato.
1. Saponi solidi.
Il sapone solido sembra appartenere al passato, ma in realtà è comodo, bello da vedere, senza plastica e facilmente trasportabile in viaggio. Qualche anno fa ho iniziato anche a sperimentare con lo shampoo solido, che è un pochino più complicato del sapone per viso e corpo: ne ho provati tanti prima di trovare quello perfetto,  e sicuramente questo richiede un po’ di ricerca in più. 
Per quando viaggio ho anche un olio solido, che sostituisco all’olio di mandorle liquido (adoro il profumo dell’olio solido con i fagioli Azuki di Lush). Oltre al packaging ridotto, avere prodotti solidi ha migliorato notevolmente i miei capelli e la mia pelle. 
2. Spazzolino con manico in bambù.
Compro sempre lo stesso, non riesco a ricordare da quanto tempo. E’ economico e dura un bel po’ rispetto ad altre marche che ho provato. La testina deve essere buttata nel secco, ma il manico è compostabile e non ha impatto sull’ambiente come gli spazzolini di plastica – che sono pure bruttini.
Sono attualmente alla ricerca di uno spazzolino completamente compostabile. Fatemi sapere se conoscete qualche marchio che ancora non ho scoperto. 
3. Coppetta mestruale. 
E’ arrivato il momento di parlare di ciclo. Sono una fan della coppetta da quando si potevano scegliere solo due marche, e ovviamente l’acquisto ricadeva su quella più colorata. Chi dice che è scomoda è semplicemente perché non l’ha mai provata, perché diciamocelo chiaramente: non sentire un pezzo di plastica e cotone in mezzo alle gambe è una comodità pazzesca. Da  anni non devo più pensare a cambiarmi ogni 2 ore, semplicemente perché per 6-8 ore è come se non avessi più niente. No ciclo, no fastidio. Bisogna imparare a piegarla nel modo giusto per inserirla, ma è molto più facile di quel che sembra.
Ho speso 30 euro circa 7 anni fa, e spero che la mia coppetta attuale regga almeno per qualche altro anno. Questi oggetti hanno in comune una cosa: sono stati i primi cambiamenti che ho fatto quando ho deciso di ridurre il consumo di plastica. Quando ho capito di avere un’alternativa alla bottiglia di bagnoschiuma e al classico spazzolino, ho capito anche che potevo veramente cambiare il mio modo di vedere le cose. 
Dopo qualche tempo ho realizzato che ridurre mi faceva stare bene e rendeva la mia vita migliore sotto tantissimi aspetti, legati non solo all’ambiente ma anche al possedere sempre meno oggetti di cui non ho bisogno, ed è stato in quel momento che ho capito che questa è la strada giusta per me. Non dico che sia la strada giusta anche per voi, ma spero vi dia qualche spunto per cercarla.  

/English version/

You know, the moment has come: you can reach the next level, and you can stop buying 3 more objects.
In the first episode I talked about 3 things easy to find in your house; today I’m going to talk about some things that require a little bit of effort. I choose these three things because I love them, but mostly because I cannot remember how my life was with shampoo bottles from the supermarket. 
1.Solid soap.
Solid soap may seem like a vintage object, but it’s actually very easy to use, nice to see, plastic free and light to pack for a travel. A couple of years ago I started to look for solid shampoo, which it’s a little bit more complicated: you have to choose according to your hair type and I had to try a couple of brands to find the right one. This is a swap that requires, in my opinion, a little bit of effort.
When I travel I use also a massage bar instead of liquid almond oil. You can find all of these products plastic free, and I find that my skin and my hair are a lot better using them.
2. Bamboo toothbrush.
It’s been years, and I cannot honestly remember how long I’m buying this kind of toothbrush. It’s cheap, it last for a long time. You can dispose the handle and only the bristles go into waste.
I’m actually looking for a totally compostable toothbrush, so let me know if you have some advice for me!
3. Menstrual cup.
I’m a huge fan. I have a menstrual cup since here in Italy there were only 2 brands, and of course I choose the colorful one. If you know someone who says that it is uncomfortable, it’s because she never tried it. It’s been years since I don’t have to rush to the bathroom every 2 hours, just because with the menstrual cup I cannot feel anything for 6-8 hours. You have to learn how to insert it, but I can assure you that it’s really easy!
I spent 30 euros about 7 years ago, and I hope that my menstrual cup will last at least for another couple of years. 
These objects have something in common: they were the first changes that I made when I decided to reduce my plastic consumption. When I decided to look for alternatives to my lifestyle based on plastic, it completely change my prospective.
After a while I realized that reducing was good for me, and it actually makes my life better and easier, not only on the environmental side but also because I own less things, and I don’t buy things that I don’t need. In that moment, I know that this was the best choiche that I have. I am not saying that you have to do the same, but I hope that this will be helpful to find your own way.